Commedia

AMMORE E MALAVITA (2017) di Antonio e Marco Manetti – recensione del film

Un film straordinario, di quelli che non te li aspetti dal cinema italiano ingessato e ingabbiato nelle solite cose prive di verve e fantasia. Ammore e malavita è il trionfo della fantasia, supera persino il precedente – pur ottimo – Song ‘e Napule, a livello di scrittura e di resa scenica. I Manetti omaggiano la sceneggiata napoletana, i Nino D’Angelo movie, i Merola movie e tutto il cinema di genere italiano anni Settanta, oltre a fare riferimento a capolavori surreali e grotteschi come Geppo il folle e Yuppi Du di Adriano Celentano. Nessuno aveva mai pensato di girare una commedia musicale nera ambientata a Napoli, trasformandola in cinema d’azione alla Tarantino, con accenni a Mark il poliziotto di Lucio Fulci. Il risultato è straordinario.
In breve la trama, che accenniamo soltanto, perché la sceneggiatura è così ben fatta che i colpi di scena si susseguono a ripetizione. Basti dire che fa riferimento di continuo a Si vive solo due volte (1967) di Lewis Gilbert e al relativo romanzo di Ian Fleming, della serie 007. Don Vincenzo Strozzalone (Buccirosso) è un comico boss della camorra, detto il re del pesce che nelle prime sequenze si salva da un attentato. Stanco di essere perseguitato, consigliato dalla moglie Maria (Gerini), cinefila come i nostri due registi, si finge morto stile James Bond. Purtroppo il segreto non resta tale, perché il fedele guardaspalle Ciro (Morelli) ritrova un amore giovanile, Fatima, una bella infermiera di Scampia (Rossi) e scappa con lei. Inizia una caccia all’uomo serrata che porta molta azione e una serie infinita di morti, mentre la commedia degli equivoci raggiunge il suo culmine e il musical impazza. Fotografia coloratissima di una Napoli vitale a tempo di musica popolare che diventa gialla e cupa nei notturni intensi, teatro di un vero action-movie. Montaggio che si dipana rapido tra musica napoletana, amore e pallottole, in una sceneggiata moderna che realizza un vero e proprio terrorismo dei generi. I Manetti sono dei veri cinefili – come la loro protagonista – amano il cinema di genere e lo dimostrano, rendendo omaggio alla storia del nostro cinema migliore. Interpreti straordinari, da una Gerini sempre sopra le righe come serva divenuta padrona e finta vedova in lacrime, ma anche ballerina e cantante, a un Buccirosso ironico e calato nella parte come non lo ricordavamo, passando per Morelli e Riaz, perfetti nel ruolo delle guardie del corpo, amici per la vita ma costretti a combattersi. Pure il cast di contorno è azzeccato, perché tutti hanno le facce giuste e recitano senza sbavature, con grande credibilità. Pezzi musicali straordinari che ricordano O soldato innamorato, che ironizzano su Scampia e la moda del turismo del dolore ispirato a fiction televisive e a cinema, ma anche brani in inglese cantati per le strade di New York. Film prodotto dalla piccola Mompracem dei Manetti con il sostegno di Rai Cinema, che dipana la sua storia divertente quanto improbabile tra Napoli e New York, girato con uno stile sopraffino, rapido ed essenziale. Un film che merita il consenso di critica pubblico e tutti i premi che sta vincendo, da Venezia al Noir in Festival. Erano anni che non vedevamo un film italiano così originale e grottesco, così assurdo e divertente. Si esce dal cinema con la la voglia di vederlo ancora, come facevamo da ragazzini. Bravi Manetti che ci fate tornare la voglia di frequentare le sale. Continuate così. Abbiamo bisogno di voi…

Il film è stato pubblicato sia DVD che Blu-ray (clicca qui per saperne di più).

ammore e malavita locandina

Regia: Marco Manetti e Antonio Manetti (Manetti Bros). Soggetto e Sceneggiatura: Manetti Bros, Michelangelo La Neve. Fotografia: Francesco Amitrano. Montaggio: Federico Maneschi. Musiche: Pivio e Aldo De Scalzi. Scenografia: Noemi Marchica. Costumi: Daniela Salernitano. Produttore: Manetti Bros, Rai Cinema, Madeleine Film, Mompracem srl. Distribuzione: 01 Distribution. Interpreti: Claudia Gerini., Carlo Buccirosso, Giampaolo Morelli, Serena Rossi, Riaz, Franco Ricciardi, Antonio Buonomo, Giovanni Esposito, Ivana Granatino, King Danza, Claudiafederica Petrella, Antonella Morea, Marco Mario de Notaris, Rosalia Porcaro, Patrizia Rispo, Ronnie Marmo, Stefano Moffa, Lucianna De Falco, Graziella Marina, Antonio Fiorillo, Antonino Iuorio, Giovanni Napolitano, Mario Rivelli, Andrea D’Alessio, Tia Architto, Pino Mauro, Antonello Cossia. Genere: Commedia musicale, noir, action. Durata: 133′.

Recensione di

Gordiano Lupi

2 risposte »

  1. I Manetti li ho sempre guardati con simpatia. Due schegge impazzite che con qualche spiccio si divertono a navigare nel genere. Finalmente hanno fatto il salto di qualità.
    Buccirosso eccellente, dimostra di essere uno dei migliori caratteri in circolazione; peccato lo si veda impiegare così male in tante commedia.

    Ismail

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...