Giallo/Thriller

…E TANTA PAURA (1976) di Paolo Cavara – recensione del film

Gioiellino thriller all’italiana ‘anni settanta’, dalla fotografia coloratissima e dalla sceneggiatura ben curata nei dialoghi, che si scosta con originalità dal modello dei maestri Bava ed Argento, per il sapiente dosaggio di stilemi e topoi propri di diversi generi ed in particolare della commedia erotica e del giallo, con l’apparente presenza di un serial killer che firma i propri delitti lasciando sui cadaveri delle vittime le illustrazioni di una raccolta di fiabe nordiche macabre dal titolo “Pierino porcospino”. Anche i tratti grotteschi, con primi piani lievemente deformanti, sono ben distribuiti e molto azzeccato risulta, per accentuare il tono da farsa morbosa, l’uso di un porno cartoon di Gibba – uno dei migliori creativi dell’animazione erotica in Italia – nella sequenza dei giochi perversi di un gruppo di criminali alto borghesi dediti al traffico di diamanti, che ammazzano la noia in una villa, fra belve feroci e sesso spinto . Forse è il finale, fantapolitico, con la fiacca denuncia dell’invasione multimediale nella vita dei cittadini a deludere un po’, deviando dalle premesse della trama, tra l’altro in modo troppo verboso e contorto, anche se rimane cult la sequenza della camminata di Wallach e Placido fra gli specchi. Molto convincenti le interpretazioni di Eli Wallach e Michele Placido, quest’ultimo nettamente superiore a tutti gli altri attori presenti, incarnando un tipo di investigatore di polizia alternativo e sinistrorso, ironico e scanzonato, poco incline alle teorie criminologiche lombrosiane e diverso da pistoleri muscolari tipici del poliziottesco, tanto da mostrare tutta la sua insofferenza per un giornale come “Il secolo d’Italia”.

Il film è stato editato in DVD (clicca qui pe rsaperne di più).

e tanta paura locandina

Regia: Paolo Cavara Soggetto: Paolo Cavara, Bernardino Zapponi Sceneggiatura: Paolo Cavara, Bernardino Zapponi Interpreti: Michele Placido (commissario Loreno Romei), Corinne Cléry (Jeanne), John Steiner (Hoffmann), Tom Skerritt (commissario capo), Eli Wallach (Pietro Riccio), Quinto Parmeggiani (Angelo Scanavini), Eduardo Fajeta [Eddy Fay] (commendator Fulvio Colajanni), Jacques Herlin (ex commissario Gandolfi), Greta Vajan (invitata villa), Sarah Crespi (Rosa Catena), Cecilia Polizzi, Enrico Oldoini, Giorgio Gargiullo, Eleonora Vivaldi, Guidarino Guidi, Enzo Robutti, Mary Ruth League, Susy Radaelli, Danila Grassini, Bianca Toso, Claudio Zucchet, Mirella Giraldi, Maria Rosa La Fauci, Maria Tedeschi, Mario Mercalli, Rudi Dal Prà Fotografia: Franco Di Giacomo Musica: Daniele Patucchi Costumi: Marisa Crimi Scenografia: Franco Fumagalli Montaggio: Sergio Montanari Suono: Pietro Spadoni Produzione: Centro Produzioni Cinematografiche Città di Milano, G.P.E. Enterprises Distribuzione: Interfilm censura: 68833 del 07-08-1976

Recensione di Massimiliano Bellimo

Categorie:Giallo/Thriller

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...